Forme d'incoscienza
Qui nel perimetro non ci sono stelle … siamo strafatti … immacolati

E se … January 30, 2008

Siam spesso portati a pensare seguendo un ritmo forsennato chiamato oggettivita’, tutto viene valutato secondo canoni razionali che seguono logiche imposte, la soggettivita’ l’attribuiamo ad una serie di circostanze “esterne” che ci permettono di creare condizioni “interne” tali da stabilire un punto, prendere una decisione in merito a. Un evento, spesso scorrelato dalla nostra vita in un tempo X, ci rende inermi, lasciandoci con un “ma tu guarda i casi della vita” … “Com’e’ possibile ?” ..

E se tutti facessimo parte di un unico grande calderone, correlati da eventi pressoche’ modificati dall’andamento ed il susseguirsi di altri, se tutti fossimo uniti ed esistesse il cosiddetto inconscio collettivo.
A quel punto risponderemmo Carpe diem.

Gli eventi si susseguono e la nostra vita va avanti portandoci a compiere atti pressocche’ irrisori nei confronti di quel che amo definire, anima. Perche’ tutti abbiam bisogno di esplodere, ma non tutti abbiam bisogno di *sentire* determinate cose, non tutti domandiamo a noi stessi il perche’, non tutti facciamo caso, a queste casualita’.
Ed e’ cosi’ che spesso viviamo, ciechi di quello che effettivamente avviene all’interno della nostra vita, credendo specificatamente all’oggettivo-soggettivo, e al “Ma che strana questa cosa..”.

E se non esistesse la stranezza, se non esistessero concetti e parole, categorie e classificazioni, ma esistessero tanti piccoli eventi che correlati potrebbero aprire altre strade, che a loro volta ne aprirebbero altre, che collegherebbero persone, emozioni, sentimenti, collegherebbero cio’ che piu’ definiamo vita.
A questo punto risponderemmo con Caos.

Altre volte perdiamo noi stessi nel ritenere giuste o meno determinate azioni, determinati eventi, seguendo sempre la logica della razionalita’ imposta. Definiamo e giudichiamo il bene ed il male, stabiliamo una linea immaginaria di devarcazione al di la’ della quale non esporsi per non perdere la bonta’, e tutto viene visto secondo l’essere soggettivo che sempre in quel tempo X stabilisce cosa e’ giusto o sbagliato per la nostra vita, cosa e’ meglio per noi, rendendo cieca la nostra mente, oscurando il nostro cuore.
E se non esistessero il bene o il male, se fossero concetti “umani” stabiliti per concepire un equilibrio, se non esistesse un soggettivo-oggettivo, ma esistessimo, Noi .. con le nostre vite, le nostre emozioni, le nostre azioni, alle quali corrisponderebbero altre azioni, eventi, sentimenti … persone ..
A questo punto risponderemmo con, casualita’ ..

Come questo video saltato fuori perche’ una sera un amico T mi parlo’ di Kyle .. e tra gli innumerevoli video di youtube scelsi proprio lui, una catena di eventi che mi porto’ ad un testo .. ad emozioni .. a persone.

“Ma tu guarda il caso …”

Comments (0)
Categories: Deliri

. January 24, 2008


Oh my life is changing everyday
in every possible way
And though my dreams
it’s never quite as it seems
Never quite as it seems

I know I felt like this before
But now I’m feeling it even more
Because it came from you
Then I open up and see
The person fumbling here is me
A different way to be

I want more, impossible to ignore
Impossible to ignore
And they’ll come true
impossible not to do
Impossible not to do

And now I tell you openly
You have my heart so don’t hurt me
For what I couldn’t find
Talk to me amazing mind
So understanding and so kind
You’re everything to me

Oh my life is changing everyday
In every possible way
And though my dreams
it’s never quite as it seems
’cause you’re a dream to me
Dream to me

Comments (0)
Categories: hardware lockups

Lentamente January 16, 2008

Lentamente
si muore dentro, si muore soli
e cosi’ l’uomo risulto’ vago agli occhi della donna
tralasciando un incallito senso di euforia
“Perche’ questa sofferenza ? Non v’e’ piu’ gioia nei tuoi capelli”
disse rivolgendosi al volto di lei
che negligente e stanca replico’
“Non hai mai pensato di poter vivere,
qualora lo avessi fatto
tutto avrebbe assunto una diversa veste,
i tuoi occhi si sarebbero accorti del cigolio,
le tue orecchie del profumo,
il tuo naso della bellezza
e avresti cosi’ trovato
la follia di una storia eterna
la follia di una storia inesistente
la follia della tua vita”.

Comments (1)
Categories: Deliri

Il tempo che verra’ January 6, 2008

E cosi’ quell’uomo si volto’
mostrando una rinnovata saggezza
tutto pote’ dissolvere
cosi’ da soddisfare un bene altrui.
Sacrificando l’invano
egli pote’ destinarsi verso un luogo lontano
ma nulla volle sapere
quando gli dissero che tutto era finto.
Si trattava di un puro gioco
al quale i partecipanti adescavano con l’inganno
la fantasia dell’oppresso.
Egli si fece forte
coscenzioso di aver restito
sovente abbia perso.

Comments (0)
Categories: Deliri

Restyling grafico .. aka come ti cambio l’umore January 5, 2008

Per una strana ed inconcepibile serie di eventi, mi son trovato a riguardare i colori, il look’n'feel di questo blog … Continuando con le stranezze penso nulla di meglio che un nero possa esprimere il mio stato d’animo, cosa mi stia succedendo, il bosco cupo … Ma stranamente, utilizzando un termine precedente, l’ho percepito troppo cupo .. Una sorta di cupo^2 .. O forse dipende dall’idea del mio io che vorrei fornire all’esterno, nel rispetto di cio’ che adoro comunicare, nonostante le difficolta’, nonostante gli stati d’animo…

Ah dimenticavo, buon anno…

E’ cominciato con incoerenza, o coerenza … Stranamente, dipende dai punti di vista

Comments (0)
Categories: hardware lockups