Forme d'incoscienza
Qui nel perimetro non ci sono stelle … siamo strafatti … immacolati

Odore di loto December 15, 2008

Inutile parlare di candore, si sa tanto che la felicita’ e’ un bene intenso e nascosto, che mai colmera’ le tasche del vagabondo. Il problema nasce nella speranza di una vita migliore.
Ci accingiamo verso quella che sembra essere la nostra evoluzione, la ricerca della ragione continua imperterrita ad affievolire, leggiadra, gli animi irrequieti.
Cosi’, all’occasione, tutto viene perso … Il vento, amante della follia, soffia imperterrito affinche’ il cuore del vagabondo si scaldi fino a diventare una valvola di pietra. La ragione, amante della sovranita’, s’impadronisce della carcassa rendendola nuda di fronte chi ancora non ha subito variazioni. Il tutto amalgato all’interno delle proprie vite, tutto muta e si trasforma, ma non sempre gli stessi principi spingono lo spirito verso il luogo del non ritorno.

Confrontando gli sguardi e’ possibile scrutare animi incerti, animi nella disperata ricerca del qualcosa che tutto rende inerme. Nel cammino sembra di esser coscienti, sembra di decidere …
Nel cammino a volte vi e’ gioia, altre vi e’ dolore …

Chi ha mai visto la morte?
E’ il dolce risveglio in una calda mattina di primavera.
Il come, e’ il prezzo da pagare.


Categories: Deliri

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>